appianoandrea@gmail.com

ASL TO3, LE CARTELLE CLINICHE DIVENTANO DIGITALI

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin
image_pdfimage_print

Le Strutture Sanitarie operano in un ambiente altamente dinamico, caratterizzato da un’elevata complessità strutturale che necessita di una corretta gestione delle informazioni e dei processi. Fra questi, la gestione delle cartelle cliniche dei pazienti è senza dubbio un punto nodale.

Ogni anno l’ASLTO3 gestisce, sui quattro principali presidi di Pinerolo, Rivoli, Susa e Venaria, oltre 19.000 ricoveri ordinari e 3.500 ricoveri fra Day Hospital e Day Surgery. Una mole di dati prodotta in ambito ospedaliero e quindi particolarmente soggetta alle normative stringenti sulla privacy.  L’Azienda Sanitaria ha dunque deciso di governare i vari processi collegati a questa delicata documentazione sanitaria cartacea realizzandone la completa digitalizzazione. Il progetto è stato realizzato nei mesi scorsi ed è oggi realtà.

L’archiviazione digitale di un documento è il procedimento tecnico mediante il quale un originale cartaceo viene acquisito in formato elettronico ed indicizzato, oppure direttamente creato in formato digitale. Il risultato è la costruzione di un archivio digitale, attraverso il quale possono attivarsi diverse operazioni, dalla semplice ricerca per metadati alla ricerca full-text, dal controllo di gestione all’alimentazione di Big Data sino all’integrazione con diversi sistemi informatici. A beneficiare di questo nuovo progetto sono innanzi tutto i cittadini, per i quali da oggi sarà più semplice e rapido ottenere copia della cartella clinica.

Un altro importante risultato sarà quello di ottimizzare l’intero processo correlato alla produzione e all’archiviazione della documentazione sanitaria, facilitando l’accesso ai dati non solo da parte dei pazienti, ma anche da parte di tutti gli operatori a vari livelli coinvolti nel processo di cura. Ogni reparto potrà infatti consultare le cartelle cliniche già archiviate, visionandole al computer e potendo così in tempo reale verificare la storia clinica del paziente. Il tutto ovviamente sempre nel pieno rispetto della normativa sulla protezione dei dati personali e la privacy.